La più grande biblioteca di genere della Toscana e una delle più antiche d’Italia, la Biblioteca “Anna Cucchi” è gestita da un gruppo di volontarie della Casa della donna. Raccoglie quasi 100 riviste italiane e straniere e 4000 testi (letteratura, psicoanalisi, storia delle donne e di genere, filosofia, sociologia, diritto, arte, pensiero femminista).

Offre consulenze bibliografiche, ricerche internet e itinerari di lettura. L’accesso e il prestito (anche interbibliotecario) sono liberi e gratuiti. La biblioteca fa parte della rete Bibliolandia, la rete delle biblioteche della provincia di Pisa.

Non c’è nessun vascello che, come un libro, possa portarci in paesi lontani

Emily Dickinson
Arrivi quasi sotto la Torre di Pisa da via Santa Maria o da via Roma. Percorri per un tratto l’ultima traversa, via Galli Tassi, e ti trovi davanti un cancello, un piccolo giardino e una deliziosa palazzina stile liberty, color rosa carico, con un balconcino semicircolare che guarda gli alberi secolari dell’orto botanico che si affacciano dal muro di fronte. E’ la sede dell’associazione Casa della Donna. Entri e ti riceve una delle giovani donne del servizio civile che ti indica la stanza della biblioteca a sinistra dell’ingresso. Ti accolgono, in base ai turni, CristinaElisabeth, Gianfranca, Giulia, Milvia, Anna, Dania, Rossella, Carla, Chiara, Susanna, Antonella, Angelica, donne di diverse età, tutte volontarie e tutte accomunate dalla passione per i libri.