Orario di apertura: Martedì – Mercoledì – Giovedì 10.30 – 12.30 e 17.00 – 19.00

Informazioni e contatti:

CERCA : F3 o Ctrl + F (il riquadro appare in alto a destra)

 

 AG ABOUT GENDER : Rivista internazionale di studi di genere . 2012-

Università degli studi, Genova - Semestrale - ISSN: 2279-5057

La rivista si pone l’obiettivo di rappresentare un riferimento concreto per studios*, accademic* e non, impegnat* in percorsi di ricerca e riflessione sul genere, con una vocazione interdisciplinare.  in grado di valorizzare il dialogo fra approcci interpretativi e prospettive analitiche differenti.

AG pubblica articoli originali sia di taglio teorico che empirico, in inglese e in italiano (per un approfondimento si vedano le Politiche delle sezioni).

L’accesso ai contenuti è libero, ma soggetto a registrazione obbligatoria. La registrazione ha l’obiettivo di monitorare gli accessi e di fornire informazioni alle/agli utenti iscritti.

 

about gender

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ASPIRINA . 1987-1991 poi online 2013-

ISSN: 2361-6830

(POSSEDUTO: 1988; 1991; lac.: 1988)

Aspirina è una rivista umoristica disegnata e scritta. Nata su carta nel 1987 , ha ripreso online nel 2013.  Raccoglie autrici di esperienze e paesi diversi,  fumettiste che pubblicano per la prima  o la millesima volta,  e alcuni autori che sentiamo vicini. 
Aspirina è edita dalla Libreria delle donne di Milano, un luogo storico del femminismo radicale. Da qui nasce la scommessa di un umorismo che metta in scena la risata e il sorriso femminile, in forma solista e corale.  I fumetti e gli scritti, le illustrazioni e i video toccano varie corde, dalla satira politica all’ironia poetica. Lavorando sulle nuvole, posizione ideale del fumetto, Aspirina invita a guardare il mondo con libertà e leggerezza. 

Dal 1989 al 1991, il gruppo di ASPIRINA ha curato l’inserto SottoSotto nelle pagine centrali di “Noi donne”, sfogliabile gratuitamente sul sito

 

aspirina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AZIONE NONVIOLENTA . 1964-

Movimento Nonviolento per la Pace – Perugia

Mensile poi bimestrale – ISSN: 1125-7229

(POSSEDUTO: 2011-2013;. Lacune 2012-2013;) 

AZIONE NONVIOLENTA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAMERA BLU . 2006-

Archivio : http://www.tema.unina.it/index.php/camerablu/issue/archive

ISSN: 1827-9198

(POSSEDUTO: 2008-2010;)

“La versione digitale de ’La camera blu’ prosegue l’attività della omonima rivista in formato cartaceo nata nel 2006 dalla ricerca, dalle esperienze didattiche e dalla fitta rete di relazioni scientifiche internazionali promosse dal Dottorato in Studi di Genere dell’Università di Napoli Federico II.
La rivista si propone di dare spazio ai temi più stimolanti e innovativi emersi nell’ambito degli studi di genere in una prospettiva multidisciplinare, mettendo a confronto, intorno al tema monografico di ciascun numero, studi filosofici, letterari, psicologici, socio-antropologici e storici. Sezioni specifiche sono dedicate al pensiero e ai movimenti femministi postcoloniali e alle esperienze di formazione ispirate agli studi di genere.

La camera blu pubblica ad accesso aperto i suoi contenuti, per assicurare la più ampia diffusione e circolazione possibile al sapere storico vagliato dalla comunità scientifica.”

CAMERABLU1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CLIO : Femmes, Genre, Histoire

Rivista francese di storia delle donne. Il sito contiene gli abstracts dal 1995.

Clio. Femmes, Genre, Histoire,  revue française semestrielle (anciennement Clio. Histoire, Femmes et Sociétés), ouvre ses colonnes à celles et ceux qui mènent des recherches en histoire des femmes et du genre (toutes sociétés et toutes périodes). Organisée autour d’un thème (études de cas, actualité de la recherche, documents, témoignages et interviews, Clio a lu, Clio a reçu), elle est attentive à la dimension pluridisciplinaire et publie également des articles de Varia. 

Clio FGH dispose désormais d'une version numérique en anglais.

CLIO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COMUNICAZIONE ANTAGONISTA . 1991-

Centro di Comunicazione Antagonista – Firenze

Mensile - ISSN: 1123-7252

(POSSEDUTO: 1991-2001; Lac.)

“Questo giornale nasce dalle esperienze maturate in Toscana, che hanno visto il protagonismo diretto del movimento antagonista nelle lotte di resistenza dei lavoratori, nelle lotte sociali a partire da quella per il diritto alla casa, nel movimento dei centri sociali autogestiti, nelle lotte ambientali, nelle mobilitazioni antimperialiste e nella solidarietà internazionalista. Lotte e movimenti che hanno affermato e reso visibile l’incompatibilità fra i bisogni sociali ed il modello di sviluppo capitalistico che riduce tutto a merce.

Proprio per questo abbiamo la necessità di ricostruire, un’identità di classe, un legame stretto fra tutti soggetti che subiscono sulla loro pelle l’offensiva neoliberista: disoccupati/e, lavoratori/trici, immigrati/e … Soggetti diversi, ma eguali per interessi e bisogni. A questa azione ricompositiva è dedicato non solo questo giornale, ma tutte le nostre energie”

COMUNICAZIONE ANTAGONISTA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CREW REPORTS . 1981-

CREW Centre de recherche sur les femmes européennes – Bruxelles

Mensile - ISSN : 0772-8867

(POSSEDUTO : 1981; lac.)

Le Centre de recherches sur les femmes européennes (CREW) créé en 1981 a Bruxelles publie les Crew Reports, un bulletin mensuel en Français et en Anglais, destiné à informer les groupes féministes de la Communauté européenne des politiques les concernant.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CRONACHE E OPINIONI : Giornale delle donne cristiane . 1962-

CIF Centro Italiano Femminile - Roma

Mensile - ISSN: 0574-475X

(POSSEDUTO: 1992-; lacune: 1992-1996;1999-2002;2004;2008-2011;2013;2017) 

cronache e opinioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DeA - DONNE E ALTRI

Giornaliste e giornalisti convinti che l’informazione quotidiana, nonostante i suoi grandi cambiamenti, continui a essere indirizzata a un lettore-utente apparentemente neutro, ma in realtà di genere maschile. Questo meccanismo finisce per produrre una certa gerarchia (e selezione) delle notizie. Un panorama informativo per grandi linee dedicato al lettore.

Non vuole coprire “tutto sulle donne”, né operare discriminazioni alla rovescia. Nessun progetto “totale”. Ma scelta, selezione, approfondimenti, e apertura al confronto. Allo scontro, se necessario, nella rete e fuori della rete, ma per contribuire a costruire una nuova civiltà della conversazione, contro strumentalismi e fondamentalismi che inquinano il discorso pubblico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

D&D - DONNE&DONNA : Il giornale delle ostetriche . 1993-

Centro studi Il marsupio – Firenze

Trimestrale - ISSN: 1972-9235

(POSSEDUTO: 2001-2012; lac. 2003;2009;)

“La redazione è presso uno dei due gruppi di donne promotori della rivista, che operano per diffondere una cultura della nascita non medicalizzata e il parto in casa: il Marsupio di Firenze e La luna nuova di Milano. Pubblica articoli su aspetti relazionali, antropologici, di salute e informa le ostetriche su corsi e seminari di aggiornamento professionale e partiche utilizzate con efficacia.”

(da: L'editoria femminista in Italia / Piera Codognotto, Francesca Moccagatta, .- Milano : AIB-Bibliografica, 1997).

D&D, il giornale delle ostetriche, sostiene la formazione continua delle lettrici con sempre nuove tematiche  ed esperienze. Redatta  prevalentemente da ostetriche porta alla luce una cultura professionale sommersa ma intensa e saggia a beneficio di tutti, valorizzando il proprio lavoro. E’ basata su scienza e conoscenza e affronta i temi dal punta di vista scientifico, pratico/empirico e esperienziale

DED

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DEP – DEPORTATE, ESULI E PROFUGHE . 2004-

La rivista , nata nel luglio 2004 e pubblicata dall’Università Ca’ Foscari di Venezia, si propone come luogo di analisi e di riflessione sul tema dello sradicamento da un punto di vista di genere, nonché come luogo di raccolta e pubblicazione di documenti, di scritti inediti e testimonianze orali. Occupatasi nel primo numero della memoria delle donne e dei bambini rinchiusi nei campi di concentramento, la rivista non solo ha via via affrontato le tematiche connesse a quell’esperienza, in particolare quella della specificità della violenza alle donne, offese nella loro femminilità e nella maternità, ma ha preso in considerazione, oltre alla deportazione, altri fenomeni riconducibili a quello più generale dello sradicamento, quali l’esilio, le migrazioni da conflitto e lo spostamento forzato da “sviluppo”, lo stupro di massa come strumento dell’espulsione, del genocidio e della snazionalizzazione. Sui temi della negazione dei diritti, della resistenza e della disobbedienza all’autorità, della riflessione femminista su guerra e militarismo, dell’aiuto delle donne alle donne – temi ai quali la rivista ha prestato un’attenzione costante - si intende tornare nei prossimi numeri. 

La rivista ha una periodicità di due numeri all’anno e alterna un numero monografico a un numero miscellaneo. Pubblica periodicamente dei Numeri Speciali.

Licenza Creative Commons 

dep

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DWF DONNAWOMANFEMME . 1975-

Trimestrale - ISSN: 0393-9014

Indici e abstracts : http://www.dwf.it/archiviostorico/indexdef.htm

(POSSEDUTO: 1976-; lacune: 1976-1977; 1994; 2014;)

3 serie:

  • dal 1975 al 1976: Donna woman femme : rivista internazionale di studi antropologici storici e sociali sulla donna – Roma : Bulzoni
  • dal 1976 al 1985 con il nome Nuova DWF. Donna Woman Femme: quaderni di studi internazionali sulla donna – Roma : Coines
  • dal 1986 -. DFW donnawomenfemme – Roma : Utopia

DWF donnawomanfemme è una rivista di produzione teorica e di ricerca che, dal 1975 ad oggi nella vecchia e nella nuova serie, costituisce un riferimento essenziale per chiunque si occupi del pensiero scientifico e politico, della cultura delle donne in Italia e nel mondo. Ogni numero prevede: una parte centrale che sviluppa il ragionamento impostato nell'editoriale; la rubrica sequenze costituita da uno o più saggi che presentino caratteri di originalità oppure da traduzioni importanti; la rubrica legami magistrali in cui una studiosa affermata presenta un saggio di una giovane ricercatrice; la rubrica di filosofia themis e naturalmente recensioni e segnalazioni di libri e rivista.

dwf4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

EUROPEAN JOURNAL OF WOMEN’S STUDIES – EJWS

Abstracts, editoriali e qualche articolo  ad accesso libero.

"The European Journal of Women's Studies is a major international forum for publishing original research, theoretically sophisticated, and empirically grounded in the field of gender studies, with a focus on the complex theoretical and empirical relationship between women and the particular, and diverse, national and transnational contexts of Europe."

EJWS

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FEMINIST ECONOMICS

Spazio aperto per le prospettive di genere nel campo dell’economia.

Qualche articolo “free” in Open access articles

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FEMINIST REVIEW . 1979-

Sito: http://www.feminist-review.com/ con articoli “free” in: Issue and articles/free articles

Quadrimestrale – ISSN: 0141-7789 (Print) 1466-4380 (Online)

(POSSEDUTO: 1979; 2000-2002; 2004-2008; lac.: 1979; 2002; 2005;)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FEMPOWER . 2001-

European Information Centre against violence / WAVE Office – Vienna (Austria)

Inglese-francese

(POSSEDUTO: 1(2001);)

FEMPOWER

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL FOGLIO DE “IL PAESE DELLE DONNE” . 1987-? e  PAESE DELLE DONNE ONLINE 1997-

Associazione il Paese delle donne – Roma

Settimanale poi semestrale

(POSSEDUTO: 1987-1990; 1994-2013; lac. )

L’Associazione il Paese delle donne (1985) ha sede presso la Casa internazionale delle donne di Roma e lavora da anni sui temi legati all'informazione con criteri e linguaggi di genere.  Dal 1987 ha editato il Foglio del paese delle donne, pubblicazione cartacea settimanale - ISSN: 1594-7858 : notizie brevi e varie su seminari, convegni, attualità.

Dal 1997 una versione on line con aggiornamenti plurisettimanali

Dall’ottobre 2006 il formato cartaceo esce con cadenza semestrale, continuando ad informare con criteri e linguaggi di genere.

(dal sito)

“Nel 1986 ha inizio un progetto di quotidiano delle donne, con una pagina autogestita settimanale dal titolo “Il paese delle donne”, pubblicata come inserto da “Paese sera”. Il 28 ottobre 1987 esce il primo numero autonomo. La scelta dichiarata dal gruppo redazionale è di promuovere l’informazione come servizio, dando spazio alle varie realtà di donne senza intervenire con interpretazioni. Vi si trovano informazioni di attualità, segnalazioni di incontri, seminari, convegni (di cui, in alcuni casi, vengono riportati i testi delle relazioni) e materiali prodotti da donne.

Da questo lavoro è nato negli anni Novanta la prima agenzia stampa femminista: DW Press”

(da: L'editoria femminista in Italia / Piera Codognotto, Francesca Moccagatta, .- Milano : AIB-Bibliografica, 1997).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GENESIS :  Rivista della Società Italiana delle Storiche . 2002-

Quadrimestrale - ISSN: 1594-9281

(POSSEDUTO:  2002-)

Genesis fondata nel 2002, si avvale di un processo di peer review. Il suo ambito è la storia di genere e la storia delle donne.

La rivista intende porre la categoria di genere come centrale per l'interpretazione della storia e capace al tempo stesso di contribuire in modo significativo alla comprensione della realtà attuale..

La rivista non intende privilegiare alcun approccio storiografico, ma fa interagire le diverse prospettive per fornire uno spaccato rappresentativo della ricerca più sensibile e aggiornata. Le riflessioni sul passato sono strettamente connesse a una particolare attenzione alle questioni più attuali della politica contemporanea, in prospettiva transnazionale. Genesis, nelle sue varie sezioni tematiche, travalica confini di spazio e tempo, incoraggiando i lavori che puntano a superare confini nazionali ed eurocentrismi, nel quadro di un approccio multidisciplinare in cui interagiscono storia e scienze sociali. La rivista pubblica articoli in italiano, inglese, francese e spagnolo. Genesis non è una rivista meramente accademica, e si rivolge a un vasto pubblico di lettori. Genesis è pubblicata dalla casa editrice Viella

GENESIS

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GENRE ET HISTOIRE

La revue Genre & Histoire, revue électronique créée à l’initiative de l’association Mnémosyne, (www.mnemosyne.asso.fr), est un espace de publication ouvert à toutes celles et ceux dont les recherches s’inscrivent dans le domaine du genre avec une attention plus particulière aux étudiant-e-s (Master et Doctorat) d’histoire ainsi qu'à celles et ceux d'autres disciplines - sociologie, philosophie, anthropologie, géographie, sciences politiques, sciences de l’éducation, littérature, civilisations, Staps - dont les travaux comportent une dimension historique. Outre des articles scientifiques, elle accueille, pour le moment, différentes rubriques : résumés de travaux soutenus, bibliographies thématiques, itinéraires.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GENRE, SEXUALITE’ & SOCIETE’

 Genre, sexualité & société est une revue francophone à comité de lecture, consacrée à la sexualité et aux questions de genre. Crée en 2009 par un groupe de jeunes chercheur-e-s en sciences humaines et sociales, la revue Genre, sexualité & société se revendique comme un espace de dialogues et d’échanges, ouverte à différentes approches disciplinaires.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

G&P – GUERRE & PACE : Bollettino del Comitato Golfo per la verità sulla guerra . 1993-

Comitato Golfo per la verità sulla guerra – Milano

Bimestrale - ISSN: 1126-7836

(POSSEDUTO: 1997-2014; lac.: 1997;2000;2004;)

“"Guerre&Pace" nasce nel 1993 - all'indomani della guerra del Golfo - per offrire una informazione alternativa a quella manipolata dei media e per sostenere le battaglie del movimento pacifista contro l'embargo all'Iraq e le politiche di guerra del "nuovo ordine mondiale".

Dal 1996 ha unito all'analisi dei conflitti armati, dei nuovi modelli di difesa e delle strategie militari, l'attenzione per l'immigrazione e per i conflitti economici e sociali.

La rivista, anche attraverso numeri monografici, dossier, speciali, si propone di fornire gli strumenti per comprendere le politiche neoliberiste nel loro legame con le strategie politico-militari e con le risposte dei movimenti alternativi.”

GUERRE E PACE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL GRANDE VETRO : Trimestrale di politica e cultura . 1977-

Santa Croce sull’Arno – Periodicità varia

(POSSEDUTO: 1994-2012; 2016; lac.)

SUPPLEMENTI:

        LABORATORIO DI POLITICA ED ECONOMIA . 1996-

        (POSSEDUTO:  anni 1998-2001)

        TORNO SUBITO : Periodico d’evasione ma non troppo – 1995-

        (POSSEDUTO: 1995-1996)

 Il Grandevetro è un bimestrale di immagini, politica e cultura, fondato a Santa Croce sull’Arno (PI) nel 1977 da un gruppo di intellettuali e artisti.

Il Grandevetro si autofinanzia e si regge da allora sul lavoro gratuito di chi vi opera. Per questi suoi caratteri di apertura e di indipendenza finanziaria, di promozione editoriale e culturale movimentista, Il Grandevetro si è costituito nel 2002 in associazione culturale, politica ed artistica.

La rivista nacque dalla “Polisportiva Primavera”, organizzazione di base della sinistra santacrocese guidata da Sergio Pannocchia negli anni settanta.

Nel febbraio del 1977 uscì il primo numero de Il Grandevetro. Il nome fu dato da Romano Masoni, pittore e incisore, in omaggio all’opera di Marcel Duchamp “La Sposa messa a nudo dai suoi scapoli, anche” (traduzione di “La Mariée mise à nu par ses célibataires, même”), chiamato anche “Grande Vetro”.

Dopo la morte di Luciano Della Mea (1924-2003), di Sergio Pannocchia (1936-2008) e di Ivan Della Mea (1940-2009), che ne fu Direttore Responsabile, attualmente (maggio 2014) l’organico redazionale è così composto: Direttore responsabile della rivista Alfonso Maurizio Iacono; in redazione: Aldo Bellani, Massimiliano Bertelli, Stefano Biffoli, Giovanni Commare (Presidente), Gianluca Del Prete, Maria Beatrice Di Castri, Enzo Filosa (Vicepresidente), Mauro Giani, Marco La Rosa (Direttore e Segretario), Ilario Luperini, Romano Masoni, Simonetta Melani,  Alfio Pellegrini, Giulio Rosa, Giulio Salvestrini.

Vi collaborano e vi hanno collaborato grandi firme del giornalismo italiano tra cui Gianni Mura, Gianpaolo Ormezzano, e della cultura italiana, tra cui il sociologo Mario Aldo Toscano, l’italianista Michele Feo, il giornalista RAI Alberto Severi, il poeta e critico d’arte Dino Carlesi, il musicologo Renzo Cresti, il critico d’arte Nicola Micieli. Numerosi gli scrittori, tra cui ricordiamo Alberto Pozzolini, Attilio Lolini, e innumerevoli gli artisti, i pittori e i fotografi, che occasionalmente hanno collaborato alla impostazione grafica su invito di Romano Masoni o che hanno donato opere per la vita della rivista. 

GRANDE VETRO2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INCHIESTA. 1971-  ora anche online

Bari : Dedalo - Trimestrale - ISSN: 0046-8819

(POSSEDUTO: 1975; 1977;-1979; 1981-1982; 1984; 1988; lac)

Uno strumento di ricerca e pratica sociale, che indaga sui temi e problemi del mondo del lavoro, della scuola, del la condizione femminile e giovanile, dell’immigrazione. Inchiesta opera da oltre trent’anni nel campo delle scienze sociali e costituisce uno dei più importanti strumenti di conoscenza della società italiana facendo riferimenti a ciò che accade all’estero. Alla rivista cartacea è stato affiancato un sito internet con news e rubriche. 

 “Il primo numero della rivista Inchiesta, trimestrale diretto da Vittorio Capecchi, uscì nel gennaio 1971 edita da Dedalo (Bari). La rivista ha attraversato tre fasi.

- La prima fase è stata quella iniziata negli anni ’70 fino alla metà degli anni ’80. In quegli anni la rivista appoggiò le iniziative della FLM (il sindacato unitario dei metalmeccanici) dalle 150 ore alle inchieste sulla salute, dalle indagini in fabbrica per fare le conferenze di produzione alle ai corsi di formazione dei quadri sindacali.. In quella prima fase la rivista propose un diverso modo di fare inchiesta e diventa un punto di riferimento per discipline diverse (sociologia, economia, pedagogia, psichiatria, psicologia sociale

- Seconda fase. La chiusura della FLM portò la rivista ad un lento declino  tanto da consigliare l’organizzazione della rivista in numeri monografici. Adele Pesce si occupò sempre di più di Inchiesta inserendovi sempre di più tematiche femministe (Luce Irigaray curò tre numeri della rivista) e proponendo numeri sulla politica (come quello curato insieme a Vittorio Foa). Questo lungo periodo di numeri monografici ebbe delle punte di successo. Erano presenti nomi prestigiosi (venne fatto, ad esempio, un numero tutto con testi di Fernand Braudel che venne a presentarlo personalmente a Bologna) e i numeri avevano sempre di più un’ottica internazionale (dai numeri monografici sul Global Social Forum ai numeri su minoranze etniche come il popolo Mapuche).

- Terza fase e nel 2009 la rivista per iniziativa di Adele Pesce cambia e torna ad essere la rivista degli anni ’70 con articoli brevi politici, nuove rubriche, dossier, inchieste.

Inchiestaonline non è una copia o una sintesi della rivista cartacea. La rete ampia di collaboratori e amici che Inchiesta ha costruito nei suoi quaranta anni di vita permette di creare una rivista on line aggiornata e con contributi originali in tutte le parti del mondo che chi legge può ulteriormente ampliare. Vi invitiamo quindi a seguire questo sito così come ad abbonarvi alla rivista cartacea.

INCHIESTA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IN GENERE

inGenere.it è una rivista on-line di informazione, approfondimento, dibattito e proposte su questioni economiche e sociali, analizzate in una prospettiva di genere. 

inGenere.it è  stata fondata nel dicembre 2009 da un gruppo di economiste, spinte da una constatazione: mentre il campo scientifico ed accademico dei gender studies è vasto e ricco, queste analisi e le relative pratiche faticano a trovare ascolto nel terreno della proposta politica e spesso restano sconosciute anche a chi ne potrebbe trarre benefici. inGenere intende essere uno spazio di comunicazione e uno strumento di azione. 

Pubblica articoli di analisi, commento e informazione;  segnala notizie rilevanti sui temi di genere, corredate da link e percorsi di lettura; diffonda ricerche e studi (italiani e internazionali);  newsletter quindicinale

 INGENERE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IPPOCRATEROSA : Magazine di medicina, salute e benessere

Periodico dedicato alla salute e alla medicina di genere (prevenzione, terapie innovative, studi clinici, approfondimenti sui sintomi e approccio diagnostico mirato all´universo donna) . Affronta tematiche di attualità medica, ma anche argomenti legati alla bellezza, all´alimentazione, alla cultura, al fitness per donne di tutte le età. 

IPPOCRATEROSA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LEGENDARIA.  1987-1996 (poi) Leggendaria : libri letture linguaggi . 1997-

Leggendaria continua: Legendaria (supplemento mensile a: Noi donne. ISSN 1121-6417

Roma : Crispino - Bimestrale - 1825-523X

(POSSEDUTO: 1987- ; lac.: )

“Leggendaria. Libri Letture Linguaggi è una testata autonoma e indipendente che si colloca nell’ambito degli strumenti del pensiero critico, assumendo il sapere e l’esperienza delle donne come punto di vista collocato e privilegiato per la critica del presente: ha un approccio multidisciplinare e multiculturale rivolto a donne e uomini, ed è particolarmente attenta alla trasmissione generazionale.

Una prima serie, “legendaria”, è uscita prima come supplemento al mensile Noidonne e poi “cangurata” dalla stessa testata dal 1986 fino al dicembre del 1996. Ideata e diretta da Anna Maria Crispino, è prodotta da un piccolo nucleo redazionale (Lucina Di Mauro, Monica Luongo, Mariella Gramaglia, Silvia Neonato, Bia Sarasini, Nadia Tarantini, Maria Vittoria Vittori) che si avvale di un ampio giro di collaborazioni qualificate, di studiose e appassionate, giornaliste e scrittrici, senza escludere le firme maschili.

Leggendaria non riceve alcun contributo statale o di altri enti pubblici o privati per lo svolgimento della sua attività. Favorisce la scrittura di giovani donne e dedica una sezione apposita ai giovani lettori e alle giovani lettrici – “Under15”. Ogni numero si apre con un “Tema”, cui concorrono contributi diversi e interagenti: consideriamo prioritario, a partire dalla produzione editoriale e culturale (cinema, media, teatro, Tv, iniziative di confronto, seminari, convegni), costruire percorsi e connessioni che consentano il continuo aggiornamento di una mappa di conoscenza e comprensione dentro uno scenario politico-culturale che sappiamo essere sempre mutevole, che va interrogato anche riformulando le domande. Lo “Speciale”, collocato di solito al centro del fascicolo, pubblica dialoghi, saggi o mappature bibliografiche ragionate su singoli temi o figure di rilievo. In “Primopiano” approfondiamo l’analisi di singole figure di scrittrici, artiste, pensatrici o alcuni percorsi tematici; in “Letture” offriamo recensioni su libri di recente uscita, mentre “Ultimi arrivi” segnalano testi annunciati, ristampati o appena pubblicati. Nella rubrica “A/margine” trattiamo spesso di eventi o iniziative che riteniamo di particolare interesse (convegni e seminari, mostre d’arte, rassegne cinematografiche, performance teatrali etc.). “News” segnala gli appuntamenti di interesse per il nostro pubblico.

Infine, dedichiamo risorse e grande attenzione alla formula grafica, l’impaginazione e la scelta delle immagini: siamo convinte che nell’epoca dell’informatizzazione e del virtuale, preservare e trasmettere il gusto della lettura su carta, il contatto tattile, olfattivo e visivo con la parola scritta come oggetto anche materiale – prodotto di corpi pensanti – sia una delle sfide da affrontare”.

leggendaria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LEGGERE DONNA . 1981-

Centro documentazione donna - Ferrara : Luciana Tufani

Trimestrale – ISSN: 1122-4975

Continuazione di: Bollettino. Centro documentazione donna

(POSSEDUTO: 1981-2014 ;2016- ; lac.: 1984-1985; 1987-1988; 1990-1991; 2002; 2015;)

E’ stata la prima rivista in Italia ad occuparsi di recensioni di libri esclusivamente di o riguardo alle donne. Offre recensioni, suggerimenti e proposte di lettura ma si occupa anche di cinema e di arte. Ha avuto la funzione di anticipazione, suggerendo temi da discutere, scoprendo nuove autrici, riproponendone altre. Oggi la ricchezza di contenuti e la grafica piacevole ne fanno la più letta tra le riviste culturali delle donne.

leggeredonna2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LETTERATEMAGAZINE : Scrittura, politiche, culture delle donne

Settimanale online della SIL Società Italiana delle Letterate

“Letteratemagazine : Scritture, politiche, culture delle donne. E non solo. Alla ricerca di parole, linguaggi, narrazioni che interpretino e raccontino cambiamenti e spostamenti in corso. Nello scambio tra lettrici, autrici e autori – e personagge”

LETTERATEMAGAZINE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MAREA : donne, ormeggi, rotte, approdi . 1994- e MAREA ONLINE

Genova – Trimestrale – ISSN: 1720-2930

(POSSEDUTO: 4(1997)- ; lac.: 1998; 2000; 2008; 2015;)

“Marea nasce a Genova come tribuna per veicolare notizie, idee, interviste, materiali e racconti che nascono dal lavoro di quante credono che prima di tutto occorra segnare il cammino con la propria identità sessuata.

Marea ha curato dalla fine del 1994 l’uscita periodica della rivista, senza interruzioni di continuità, e questo è un fattore di rilievo, specialmente se si tiene conto della difficile situazione che generalmente affligge il mondo dell’editoria. Dal 1998, assieme alle prime pioniere del web, Marea ha attivato il sito internet della rivista www.mareaonline.it strumento sempre più utile per la comunicazione e l’individuazione di risorse ed informazioni, e nel 2009 ha aperto il podcast web radiofonico www.radiodelledonne.org” 

marea gialla

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MEDITERRANEAN REVIEW : Un mare di donne . 1994-

Semestrale (inglese-italiano) edita da MEDiterraneanMedia, Associazione Internazionale delle Donne per la Comunicazione – Cosenza

(POSSEDUTO: 2(1996)-5/6(1998))

“La prima iniziativa editoriale dell'Associazione MEDiterraneanMedia è stata "Mediterranean Review. Un mare di donne"; una rivista semestrale bilingue, scritta in italiano e inglese.

La rivista riprende l'itinerario segnato, a partire dall'89, dal trimestrale "Mediterranea. L'Osservatorio delle donne".

Si tratta di un femminismo nomade sulla rotta di altri femminismi, sull'onda dell'esigenza di coniugare l'io e il noi. Perché il percorso di libertà che alcune di noi hanno scelto, non può essere un percorso solitario, di donne privilegiate per appartenenza geografica, sociale e quant'altro, ma vuole essere un percorso di individue, che anche se diverse, scelgono di mettersi in relazione sulla base di un obiettivo, di un progetto comune.

Partire da sè per arrivare alle altre significa passare da una dimensione locale di radicamento ad una globale in cui lo spostamento è una condizione necessaria per costruire pratica di relazione e teorica, conoscenza del mondo e di sé, in cui lo scambio tra donne differenti non solo è politico ma è anche la base per il teorico”.

(Da: http://www.medmedia.it/prodotti1.htm )

Mediterranean

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MEMORIA : Rivista di storia delle donne . 1981-1991

Torino : Rosenberg & Sellier

Quadrimestrale (33 numeri) – ISSN: 0392-4564

(POSSEDUTO: 1981-1988; lac. 16(1986))

Memoria. Rivista di storia delle donne inizia le sue pubblicazioni nel 1981 per cessarle nel 1991.con un ultimo numero volto ad aprire una discussione sui cambiamenti intervenuti nella storia delle donne, dopo dieci anni. Testimonianza della crescita anche in Italia di un nuovo campo di studi dedicato alla storia delle donne e di genere, la rivista – realizzata da una redazione composta da storiche e studiose di altri ambiti disciplinari, la rivista vuole avere programmaticamente un’apertura interdisciplinare e rappresentare sguardi e prospettive differenti. Al centro di ogni numero viene posto un tema particolarmente rilevante nel dibattito culturale e politico, declinato, attraverso i vari contributi, secondo molteplici approcci e diverse interpretazioni. Al tema monografico si accompagnano singoli saggi, esperienze di ricerca, presentazione di fonti e documenti, riletture di opere importanti nella storia e nella cultura delle donne. Costante è la rubrica,  i materiali del presente, che accoglie dibattiti, recensioni, resoconti delle iniziative in corso nei women’s studies.

(da: http://www.bibliotecadigitaledelledonne.it/404/ )

memoria2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MEZZOCIELO . Il trimestrale di politica, cultura e ambiente pensato e realizzato da donne . 1991-

Palermo : Associazione Mezzocielo

Periodicità varia - ISSN: 1720-2892

154: http://www.mezzocielo.it/wp-content/uploads/2017/02/mezzocielo-154-inverno-2017.pdf/

156: http://www.mezzocielo.it/wp-content/uploads/2017/09/mezzocielo-156-estate-2017.pdf/

(POSSEDUTO: 1992; 1995-2016; lac.)

Pubblica articoli di attualità e politica dedicati a ciò che viene espresso da donne, con particolare attenzione alla realtà siciliana. Riporta anche brevi notizie flash di curiosità e statistiche e dedica ampio spazio all’osservazione di donne in rapporto con la mafia”

(da: L'editoria femminista in Italia / Piera Codognotto, Francesca Moccagatta, .- Milano : AIB-Bibliografica, 1997).

Mezzocielo continua a uscire in formato cartaceo, come  Marea

 “Dalla rivista bimestrale  “Mezzocielo”, che si stampa a Palermo dalla fine del 1991, prende il volo la farfalla mediatica: www.mezzocielo.it.

Siamo donne che vogliono far sentire la loro voce e la loro volontà

di cambiamento della società siciliana e nazionale (contro la mafia, la corruzione, i privilegi). Non ci riferiamo a nessuna religione o ideologia. Ci confrontiamo pubblicamente e lealmente sui grandi temi del nostro tempo. Cerchiamo di vivere un’etica laica e femminista. I nostri principi: la libertà della donna, la difesa dei più deboli, la pienezza – per tutti e tutte – dei diritti politici e di cittadinanza.

Le fondatrici: Carla Aleo Nero, Letizia Battaglia, Silvia Ferraris, Simona Mafai, Rosanna Pirajno.

Le redattrici: Bice Agnello, Giusi Catalfamo, Silvana Fernandez, Gisella Modica, Adriana Palmeri, Leontine Regine, Maria Concetta Sala, Stefania Savoia, Shobha, Francesca Traina”

(da: http://www.mezzocielo.it/) 

mezzocielo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MINERVA : Mensile del Club delle donne . 1983-2013 ; online dal 2013-

Roma : Club delle donne – Mensile

(POSSEDUTO: 1991; 1997-1999; lac.: 1991; 1997: 1999;)

La rivista si occupa di cultura, economia, lavoro, ambiente, salute, costume, esteri.

Il target della rivista è costituito prevalentemente da un pubblico femminile, di cultura medio-alta.

Pubblica i Dossier di Minerva, monografici:

  • Carta rosa del Lazio
  • Daniela Valentini : l’artigianato da Cenerentola a Principessa / dossier a cura della redazione di Minerva
  • Giuliano Vassalli : le sue opinioni : la sua storia / [a cura di Annamaria Mammoliti]
  • Minerva dossier : come si diventa sante / a cura di Mavì Zongoli
  • Minerva dossier : dalla grande narrativa al "genere". L'Evoluzione della presenza femminile nella storia della letteratura italiana / a cura di Anna Maria Mammoliti
  • Minerva dossier : il percorso delle donne nella storia e nelle scienze dal medioevo ad oggi / dossier a cura di Anna Maria Mammoliti, realizzato da Eugenia Sciorilli, Fiorenza Taricone, con la collaborazione di Cinzia Bellumori ... [et al.]
  • Minerva dossier : cronache e storia delle donne nel mondo della pittura  

MINERVA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOI DONNE. ND . 1944-2016 ; news online dal 2005-

Dal 1976: Roma : Libera Stampa - ISSN: 0029-0920

(POSSEDUTO: 1944-1945; 1950-1952; 1954-1964; 1966-1967; 1969-1970; 1973-1999; 2003-2016; Lac.)

“Noi Donne inizia le pubblicazioni durante la Resistenza con piccoli fogli locali dell’UDI e diventa l’unica voce tra i periodici italiani del dopoguerra che proponga alle donne riflessioni diverse da quelle dei giornali femminili. Ha modificato più volte la sua struttura e la sua periodicità. Nel congresso del 1982 l’UDI decide l’autonomia dal PCI e qualche anno dopo si crea la Cooperativa Libera Stampa che gestisce il periodico. La rivista è di proprietà di un’associazione politica, l’UDI, la quale fornisce il tereno, le idee, l’area di lettura, l’identità politica, su cui “Noi donne” costruisce se stessa e il suo pubblico. Nel tempo sono da segnalare importanti e dirompenti inchieste, quali ad esempio “Il segreto e lo scandalo” sugli abusi sessuali in famiglia del 1989.”

(da: L'editoria femminista in Italia / Piera Codognotto, Francesca Moccagatta, .- Milano : AIB-Bibliografica, 1997).

Noi donne, fondata nel 1944 fu organo dell’UDI sino al 1990. Ebbe la sua massima diffusione negli anni settanta, come protagonista delle lotte per la parità di salario, divorzio, aborto, tutela maternità.

Il mensile Noi Donne ha cessato la pubblicazione cartacea nel dicembre 2016 ma esiste sempre il sito online.

“Questo sito rappresenta un ulteriore impegno al servizio di un progetto editoriale di genere che vuole essere dinamico, aperto alle innovazioni tecnologiche e sensibile alle potenzialità che la rete telematica offre. L’edizione del sito è settimanale, ma gli spazi aperti alla ‘rete’ sono aggiornati continuamente, sia dalla Redazione sia autonomamente da chi si registra”.

 

       noidonne3       noidonnevecchio       noidonneolimpiadi 

                                  noidonne2        noidonneciao

 

  SUPPLEMENTI di NOI DONNE:

    NOI DONNE RASSEGNA STAMPA SETTIMNALE : tutte le notizie che riguardano le donne . 1996-?

(POSSEDUTO: 1996; lac.)

    NOI DONNE SETTIMANA . 1981-1982

Alterna la numerazione con il mensile Noi donne – 

(POSSEDUTO: 1981-1982)

Continuato da: Noi donne supplemento

    NOI DONNE SUPPLEMENTO . 1983-?

Non ha numerazione propria, segue quella di Noi donne.  Mensile –

(POSSEDUTO: 1983-1986)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTIZIARIO DELLA LIBERA UNIVERSITA’ DELLE DONNE . 2002-

Milano : Associazione per una Libera Università delle Donne

ISSN: 1720-2760

(POSSEDUTO: 4(2003);)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PER AMORE DEL MONDO . 2003-

Rivista di Diotima - comunità filosofica femminile

 

PER AMORE DEL MONDO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RECHERCHES FEMINISTES . 1988-

ISSN: 1705-9240

Articoli ad accesso libero (salvo 2 ultimi numeri)

Recherches féministes est une revue scientifique francophone à visée interdisciplinaire. Fondée par Huguette Dagenais en 1988, elle est publiée par le Groupe de recherche multidisciplinaire féministe (GREMF) de la Faculté des sciences sociales de l’Université Laval.

Elle a pour objectif de contribuer à l’avancement de la recherche féministe par la diffusion de résultats inédits de recherche, particulièrement de recherche empirique. La revue publie aussi des textes de réflexion théorique, méthodologique et épistémologique, des notes de recherche, des comptes rendus de livres et de pratiques féministes novatrices, des bibliographies et d’autres informations pertinentes à la recherche. Elle s’adresse à toutes les personnes qui s’intéressent au changement dans les rapports sociaux de sexe et dans la production des connaissances.
Recherches féministes constitue une source d’information essentielle pour l’enseignement, la recherche et l’action féministes.
La revue Recherches féministes publie des articles, des notes de recherche et des notes d’action, des comptes rendus de livres, des bibliographies et des dossiers sur les grandes questions débattues dans le mouvement des femmes. Toutes les articles sont soumis à un processus de révision par les pairs. Elle paraît deux fois l’an, au printemps et à l’hiver. Les numéros sont thématiques et comprennent des articles hors thème.

RECHERCHES FEMINISTES

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RIFUGIATI . 1984-

Nazioni Unite. Alto Commissariato per i Rifugiati. Ufficio per l'Italia - Roma

(POSSEDUTO: 1997-2005; 2010;  lac. 2010)

RIFUGIATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SAPERE . 1935-

Bari : Dedalo – Mensile poi bimestrale – ISSN: 0036-4681

(POSSEDUTO: 820(1979);837(1981);)

820(1979): Aborto luogo obbligato

1981(837): Partorire tra biologia e cultura ; Aborto.

“In questo sito è possibile consultare gli indici dei primi sessant’anni di Sapere, la più longeva rivista di divulgazione scientifica in Italia. Fondata nel 1935 dall’editore Ulrico Hoepli, sin dai primi numeri Sapere ha avuto collaboratori prestigiosi, ricercatori di valore che, spesso in via eccezionale, si sono cimentati nella divulgazione scientifica, a cominciare da Enrico Fermi e Guglielmo Marconi. Alla sua direzione si sono alternate personalità diverse, tra cui autorevoli scienziati come Adriano Buzzati Traverso, Giulio Maccacaro, Carlo Bernardini, grazie ai quali Sapere, pur rivolgendosi a un pubblico non specialistico, è stata per alcuni decenni «la» rivista per eccellenza del mondo scientifico e tecnologico italiano. Nel corso del tempo, la pubblicazione ha infatti cambiato più volte editore, veste grafica, periodicità, direzione e orientamento editoriale riflettendo umori e orientamenti della ricerca nel nostro Paese. La storia di Sapere è dunque anche la storia della scienza e della tecnologia in Italia.”

Sapere Ritrovato è uno strumento a disposizione degli studiosi ma anche di semplici appassionati di scienza e di storia italiana, che vi possono rintracciare i riferimenti bibliografici di circa 6.000 articoli pubblicati dal 1935 al 1995. 

SAPERE MARE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SIGNS: Journal of women in culture and society . 1975-

ISSN: 0097-9740

(POSSEDUTO: 2001-2008; lac.: 2005-2007; )

Recognized as the leading international journal in women’s studies, Signs is at the forefront of new directions in feminist scholarship. The journal publishes pathbreaking articles, review essays, comparative perspectives, and retrospectives of interdisciplinary interest addressing gender, race, culture, class, nation, and sexuality. Special issue and section topics cover a broad range of geopolitical processes, conditions, and effects; cultural and social configurations; and scholarly and theoretical developments.

Con abbonamento, qualche articolo ad accesso libero

Recognized as the leading international journal in women’s studies, Signs is at the forefront of new directions in feminist scholarship. The journal publishes pathbreaking articles, review essays, comparative perspectives, and retrospectives of interdisciplinary interest addressing gender, race, culture, class, nation, and sexuality. Special issue and section topics cover a broad range of geopolitical processes, conditions, and effects; cultural and social configurations; and scholarly and theoretical developments.

Con abbonamento, qualche articolo ad accesso libero

SIGNS

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SOGLIE. Rivista quadrimestrale di poesia e critica letteraria . 1999-

(Badia) Pisa – ISSN: 2283-3218

(POSSEDUTO: 1999-2000; lac.

“Soglie è una rivista blind peer reviewed a cura di studiosi di Università italiane e straniere, classificata dall'ANVUR tra le "Riviste scientifiche" per tutti i settori dell'Area 10. Nata alle soglie del nuovo millennio (Dicembre 1999), da cui il suo nome, pubblica testi poetici inediti, saggi, articoli, recensioni e interviste concernenti la poesia, specialmente contemporanea, scritta in tutte le lingue.”

soglie 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

STORIA DELLE DONNE . 2005-

http://www.fupress.net/index.php/sdd/index

Firenze University Press

Annuale . ISSN: 1826-7513

La rivista Storia delle Donne nasce dalla collaborazione di studiose specialiste di epoche e discipline diverse – formate in scuole di varie università italiane – e si propone come pubblicazione ad alto contenuto scientifico. SdD ha periodicità annuale, i numeri sono tematici e quasi del tutto privi di rubriche in ragione della scelta redazionale di presentare ciascun fascicolo come un unicum perché meglio siano colte, messe a fuoco e sviluppate l’evidenza e l’importanza dell’argomento proposto.

L’idea che è a fondamento del progetto SdD guarda al nesso tra storia e politica delle donne, ma accorda priorità a quello fra storia e politiche per le donne e con le donne; questa è una delle ragioni per cui la scelta del tema dei fascicoli è dettata dai processi in atto e dalle urgenze che la contemporaneità propone.Ogni numero si articola in due sezioni: una tematica, a carattere monografico, suddivisa tra saggi che illustrano il tema attuale e approfondimenti che ne restituiscono lo spessore storico e diacronico; l’altra destinata ad accogliere contributi di storia delle donne di argomento libero.

storia delle donne

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

VOLONTARIATO OGGI . 1985-   e    ONLINE 2008-

Centro nazionale per il volontariato

Quadrimestrale – ISSN: 1590-9875

(POSSEDUTO: 1997; lac.)

“Con una tiratura di 24.000 copie, “Volontariato Oggi” è una delle riviste più antiche del settore. Esce con una periodicità quadrimestrale a partire dal gennaio 2008.

Ed è proprio a partire dal 2008 che la rivista è spedita, oltre al numero fisso di abbonati e soci (circa 2.500), anche a tutte le associazioni di volontariato italiane iscritte ai registri regionali. Fra i destinatari della rivista ci sono anche enti locali, centri di documentazione e di ricerca, fondazioni e ministeri.

Nata nel 1985 per volontà del Centro Nazionale per il Volontariato, “Volontariato Oggi” ha mantenuto negli anni una linea editoriale coerente e al passo coi tempi. Grazie al lavoro della redazione, e forti del libero contributo di persone appassionate e competenti, la rivista riesce a promuovere il volontariato attraverso l’informazione tout court su tutto ciò che ruota attorno a questo mondo, coinvolgendo le associazioni e stimolando riflessioni che possano migliorare l’efficacia degli interventi. Proponiamo periodicamente rubriche fisse e approfondimenti”.

 

VolontariatOggi.info – il webmagazine del volontariato è una testata giornalistica autorizzata dal Tribunale di Lucca al n. 882 Registro periodici del 30 maggio 2008. Direttore responsabile: Gianluca Testa. Editore: Centro Nazionale per il Volontariato – Via A. Catalani 158, 55100 Lucca.

Se il quadrimestrale cartaceo è uno spazio di approfondimento, stimolo e riflessione, il sito “Volontariatoggi.info – il webmagazine del volontariato” è l’agenzia giornalistica quotidiana gestita dall’ufficio comunicazione del Cnv.

Gli aggiornamenti sono comunicati tramite newsletter a circa 11.000 iscritti.

Il sito è on-line dal 30 aprile 2008.

VOLONTARIATO OGGI 2007